Luigi Erba. Opere/Works 1969-2015. Uno scatto dopo

Luigi Erba

Opere/Works
1969-2015

Silvana Editoriale, 2015
EAN:9788836632671
FOTOGRAFIA -CATALOGO
Schermata-2020-04-08-alle-15.52.59 Luigi Erba. Opere/Works 1969-2015. Uno scatto dopo

Descrizione

Luigi Erba affronta in maniera sistematica un discorso metafotografico destinato a non esaurirsi, come sottolinea l’autore: «Succede questo fatto della fotografia non più concepita come momento unico, ma come scatto prolungato all’infinito al di fuori del tempo e dello spazio, in cui la stessa presenza/assenza di luce in camera oscura determina l’essere o non essere dell’immagine. 

Nel linguaggio c’è consapevolezza, è il riflesso di un pensiero, di una particolare concezione del tempo». 

Pian piano rivolge il proprio interesse verso lo spazio urbano e, in particolare, verso quello della propria città, lavorando per dieci anni. «Fuori da casa, su mezzo chilometro quadrato – racconta –. Lecco era una delle prime città italiane a più alta concentrazione di fabbriche,  e la fabbrica la sentivi nel rumore e in mille altri modi, come odore e sapore… 

La fabbrica mi interessava nel suo momento di passaggio, di ri- o non utilizzo». É questo eterno ritorno, questa circolarità, questo «passaggio del tempo presente futuro e futuribile che avviene tutto in un attimo» a interessare profondamente Luigi Erba, il quale inizia a sperimentare con le esposizioni multiple sullo stesso rullino fino a giungere agli Interfotogrammi, ai Polifotogrammi e a Un luogo sull’altro. 

In tali progetti, egli concepisce l’immagine come somma di scatti diversi che entrano in relazione tra loro e non come frammento unico e assoluto. In Un luogo sull’altro, in particolare, il rullino è impressionato più volte in un luogo, quindi riavvolto e lasciato giacere per mesi o addirittura anni in frigorifero, poi ripreso e impresso nuovamente, in un altro ambiente.

 La sovrapposizione, in parte controllata e pre-determinata e in parte casuale, restituisce l’essenza di un’impressione effimera, creando ambiguità tra documento e percezione immaginifica. 

Nelle immagini stratificate di Luigi Erba, frammenti di memoria e realtà si fondono lasciando emergere l’inconscio tecnologico, l’istinto della mano, la consapevolezza del gesto e l’insistenza dello sguardo, di quell’occhio che vuole vedere, sempre.

Laureato in Lettere, Luigi Erba ha coltivato fin dagli anni sessanta l’interesse per la fotografia sia da studioso che da autore. La sua ricerca attuale è incentrata sul paesaggio e sulle aree industriali dismesse del territorio.

Luigi Erba sarà presente, con le sue opere, al MIA Photo Fair 2020

I testi presenti nella pubblicazione sono di: Elisabetta Longari e Roberto Mutti

Fonte: https://ilfotografo.it/news/luigi-erba-uno-scatto-dopo/

La rubrica FotoLeggiamo è realizzata in collaborazione con la Biblioteca comunale di Cernusco Lombardone, all’interno della biblioteca potrete trovare e prenotare una raccolta veramente notevole di volumi a carattere fotografico.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *