Fotografando fuochi d’artificio con una LEICA di 90 anni fà

Buongiorno a tutti, oggi voglio proporre alla vostra attenzione una singolare storia di fotografia argentica e di una fotocamera speciale una Leica del 1930.

Johnny Martyr fotografo americano  ha ripreso i fuochi d’artificio con la sua Leica 90 Elmar, e qui ci propone la sua intrigante avventura per arrivare al risultato finale.

Ringrazio Johnny Martyr, che dopo averlo contattato, con piacere ha deciso di condividere con noi, di FotoLibera e con i nostri lettori, l’articolo. 

La storia

*foto e testo luglio 2019

Erano lì, una fila continua, quasi organizzata, di uomini di mezza età nelle varie fasi di apertura dei treppiedi.

Montavano massicce DSLR su di loro, puntando con attenzione lunghi obiettivi in punti indeterminati nel cielo scuro della tarda serata.

Gli LCD illuminavano i loro volti con una luce morbida mentre facevano scatti di prova e parlavano tra di loro mentre armeggiavano con vari oggetti contenuti all’interno dei  giganteschi zaini di attrezzatura.

Entrai in una zona vuota tra i fotografi chinandomi verso il signore dai capelli grigi accanto a me.

“Questo posto è stato fotografato? Mormorò qualcosa, si alzò gli occhiali sopra la testa e mise l’occhio sul mirino.

Dalla mia piccola borsa Domke tolsi la mia piccola, vecchia macchina fotografica nera tenendola in alto verso il cielo.

Svitai il suo piccolo obiettivo e lo infilai al sicuro nella mia borsa.

Notai un tizio che mi guardava ma non parlava, quindi neanche io lo feci.

Tolsi la piastra di fondo,mettendola nella mia borsa con l’obiettivo, impostati il mio otturatore in modalità B. infilai e caricai  un rotolo di pellicola, testandone l’anticipo, reinstallando poi la piastra inferiore.

La luce disponibile era appena sufficiente per osservare la manopola del riavvolgimento ruotare mentre facevo avanzare i primi fotogrammi di pellicola.

Non mi sono preoccupato di impostare il contatore dei fotogrammi; presto non sarei stato comunque in grado di leggerne i numeri al buio.

Senza obiettivo sulla piccola macchina fotografica nera, l’ho puntata verso il cielo, guardando attraverso il mirino.

Ho tirato fuori un altro obiettivo dalla borsa e l’ho avvitato saldamente alla macchina fotografica.

Ho tolto il copriobiettivo piccolo, l’ho fatto cadere in tasca installando il mirino accessorio.

johnnymartyr1930leica Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Alcuni ragazzi mi stavano già guardando. Uno mi ha dato un colpetto sulla spalla e mi ha chiesto: “Cosa ci farai con quello?

“Io? Io sparerò i fuochi d’artificio”.

“Ma quanti anni ha quella cosa?”

“Beh, è una Leica del 1930. Ma l’obiettivo è un po’ più nuovo, è una Leica 90mm del 1946. E sto scattando su Kodak Tri-X”.

Sorrideva mentre parlavo, ma non saprei dire se pensava fossi serio o se pensava che fossi ridicolo. In entrambi i casi, la sua mente sembrava sufficientemente sconvolta. “Ok, beh, buona fortuna!

“Grazie! Anche a te!”

johnnymartyr_1930_elmar_trix_060 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Mentre i fuochi d’artificio cominciavano a svettare nel cielo, ho guardato i primi  per capire l’inquadratura e il ritmo.

Scattare con la mia Leica del 1930 è meditativo, semplice e liberatorio.

La somma della mia attrezzatura riusciva a malapena a riempire due mani aperte e non coinvolgeva l’elettronica, eppure era probabilmente efficiente come qualsiasi altra nuova fotocamera intorno a me.

Per poter utilizzare una macchina fotografica moderna per fare qualcosa di semplice come un semplice fuoco d’artificio, il fotografo deve spegnere tutti i costosi aggeggi per cui  ha investito così tanto tempo e denaro nella scelta, nell’acquisto e nell’apprendimento dell’uso.

E cosa rimane? Una scatola a tenuta stagna.

johnnymartyr_1930_elmar_trix_061 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Ormai era troppo buio per me per essere sicuro di quale fosse la mia apertura, ma avevo abbastanza latitudine di posa con il Tri-X da non essere preoccupato.

Credo di essere stato a circa f9 perché il Leica 90 Elmar non ha un f8.

Infatti, non ha nemmeno i click stop! Così ho ruotato l’anello del diaframma in ottone fino all’apertura più piccola e poi ho aperto un po’ per contrastare qualsiasi diffrazione.

Questo obiettivo è piuttosto nitido con la sua semplice tripletta, con ottica a singolo rivestimento.

Mostra un po’ di quel classico bagliore Leica intorno ai punti salienti.

johnnymartyr_1930_elmar_trix_062-1 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Non so cosa abbiano fatto tutti i motori autofocus per tutta la notte,

Ho impostato il 90 Elmar all’infinito e non ho mai nemmeno guardato attraverso il telemetro per controllare la messa a fuoco.

Ho avuto una visione brillante e luminosa attraverso il mio mirino Voigtlander 90mm.

Questa è una cosa che mi piace molto di Barnack Leica’s, la completa separazione della messa a fuoco dalla composizione e da qualsiasi display del misuratore.

Quando hai le tue impostazioni bloccate, tutto quello che devi fare è guardare il tuo soggetto e FIRE!

johnnymartyr_1930_elmar_trix_063 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Ho scelto la Kodak Tri-X, una pellicola 400 ISO, invece di una 100 perché avevo già scattato foto  al crepuscolo con il mio 50mm f2 Summar a questa velocità.

E anche perché pensavo che il contrasto che offre Tri-X sarebbe stato micidiale per i fuochi d’artificio.

 

 

johnnymartyr_1930_elmar_trix_064 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Il mio otturatore era già impostato posa B dal caricamento della fotocamera e lì è rimasto.

 Quando si fotografano i fuochi d’artificio, come ho fatto con la mia Fuji Instax Neo 90 qualche anno fa, l’idea è quella di aprire l’otturatore mentre il fuoco d’artificio è in salita per dare un’immagine della sua scia e non chiudere l’otturatore fino a quando non è esploso completamente.

La velocità dell’otturatore diventa più che altro una questione di ciò che si vuole nell’immagine.

A volte aprivo l’otturatore dopo la salita, durante le esplosioni. A volte aprivo l’otturatore durante le ceneri che cadevano.

Immagino che la maggior parte dei miei tempi di posa siano tra i 5 e i 10 secondi, ma chi li conta?

johnnymartyr_1930_elmar_trix_066 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

E non ho usato un treppiede. Volevo muovermi liberamente.

Ed ero anche curioso di vedere come avrebbe reagito la piccola e leggera Leica senza specchio capovolto.

Quando ho rilasciato l’otturatore, ho trattenuto il respiro e ho cercato di tenere la fotocamera stretta contro il mio viso/testa e le braccia il più rigidamente possibile, ma immagino che non sia stato sufficiente.

Notate le scie sinuose? Questo è il tremolio della macchina fotografica.

Quelle linee sarebbero state fedeli ai loro percorsi se avessi usato solo un treppiede.

Stavo sfidando la fortuna usando un teleobiettivo corto, un otturatore su posa B e nessun supporto, ma sai, non ci sono regole.

Non c’è niente di intrinsecamente sbagliato con le linee sinuose nelle foto di fuochi d’artificio, è solo un risultato diverso da quello che si desidera convenzionalmente.

E sono contento di queste, anche se l’anno prossimo potrei portare il mio treppiede da tavolo Leica!

johnnymartyr_1930_elmar_trix_065-680x1024 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Ho elaborato il Tri-X in HC110b come faccio di solito e quando ho estratto i negativi dal mio tank Patterson, erano pieni di tono e di profondità!

Una volta digitalizzati sul mio desktop, avevo molto spazio per giocare con i livelli in Photoshop.

Ho portato il mio punto nero in modo abbastanza generoso e poi ho bruciato le lumeggiature fino a quando anche i mezzitoni circostanti erano quasi neri.

Questo non solo ha fatto emergere molti dettagli nelle lumeggiature, ma ha dato alle scansioni un tono marcato che mancava loro prima di essere bruciate.

In bianco e nero, piuttosto che a colori onnipresenti, queste immagini pirotecniche assumono una qualità un po’ astratta che mi piace molto.

C’è qualcosa di vecchio stile in loro, ma sento che sono anche taglienti e contemporanee.

johnnymartyr_1930_elmar_trix_067 Fotografando fuochi d'artificio con una LEICA di 90 anni fà

Come pensi che sia andata? Hai fotografato i fuochi d’artificio con una macchina fotografica improbabile?

Forse non consideri improbabile una Leica del 1930.

O hai provato qualcosa di diverso con una moderna?

Forse preferisci immagini di fuochi d’artificio nitide, a colori, convenzionali? Fatemelo sapere nei commenti.

Buona Lettura a tutti

Follow, Favorite, Like, Add, Insult, Contact Johnny Martyr 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *